Questo sito fa uso di cookie per migliorare l'esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull'utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Proseguendo nella navigazione si accetta l'uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito.

Designer emergenti al Salone del Mobile 2017

Designer Salone del Mobile | BestofDesign

Salone del mobile e designer emergenti 

 

Il Design olandese torna a Palazzo Turati durante la Design Week. In scena lavori di 34 designer, celebrando il centenario del De Stijl con le 12 opere speciali in mostra da “Mondriaan to Dutch design” alla galleria Forma Meravigli. Si cerca la sperimentazione di nuove tecniche di lavorazione con Studio Ossidiana e l'installazione di elementi in cemento Petrified Carpet, si ispira al giardino d'oriente inteso come tema iconografico del tappeto persiano.

Grande artista sperimentale Sigve Knutson, designer olandese, è motivato da una mentalità orientata al disegno, intuitiva e giocosa. Il suo lavoro combina diversi materiali, applicati in modi differenti e mira a costruire oggetti con la stessa libertà con cui si fa un disegno. Metodo che esprime in modo naturale l’immaginazione, la poesia, i pensieri, dove disegno e artigianato si uniscono per scoprire una nuova serie di modalità per la creazione degli oggetti.

Hilda Hellström, elegante designer svedese, lavora resine e pigmenti, nota per le sue sperimentazioni formali e cromatiche, metterà in mostra in anteprima italiana la collezione di sculture Mount I-IV. Cresciuta lavorando con le mani, quello che le interessa è il risultato formale e la sua capacità di rompere gli schemi di forma e funzione, grazie alla costante ricerca di materiali sintetici, da lei lavorati come se fossero naturali.

Pigmenti, pietre, sabbie e cemento per il progetto Petrified Carpets di Studio Ossidiana, fondato da Alessandra Covini e Tomax Dirrix. Un’installazione di elementi architettonici in calcestruzzo ispirata al giardino d’oriente e al tappeto persiano. Dopo una lunga sperimentazione i motivi decorativi del tappeto vengono tradotti in una materialità tattile, trasformando e rivalutando il calcestruzzo, grazie alla combinazione con materiali come marmo e i pigmenti colorati. Nasce così un nuovo paesaggio materico, in uno spazio sospeso tra dimensione eterea e terrena.  

 

 

 

Indirizzo:

galleria Forma Meravigli

Sito web: